Le terme di Amerino, conosciute anche come “Terme di San Francesco”

I Bagni di Triponzo e la sua benefica acqua sulfurea
I Bagni di Triponzo e la sua benefica acqua sulfurea
1 ottobre 2018
Terme di Fontecchio, l'unico complesso storico dell'Umbria
Terme di Fontecchio, l’unico complesso storico dell’Umbria
2 ottobre 2018
Le terme di Amerino, conosciute anche come “Terme di San Francesco”

Le terme di Amerino si trovano nel Comune di Acquasparta, in prossimità degli impianti sportivi del paese che si collocano nell’immediata periferia dell’abitato. Acquasparta fa parte della provincia di Terni, e dista poco più di una ventina di chilometri sia dal capoluogo di provincia, che si trova a meridione, sia da Todi, che si trova nord della località termale.

Le terme di Amerino sono conosciute anche come “Terme di San Francesco”, in quanto sarebbero state benedette dal Santo nel corso di una delle sue visite. La sorgente è infatti nascosta fra due rupi ricoperte di ulivi, in un angolo dell’attuale parco termale molto silenzioso e ricco di tranquillità: è molto probabile che il santo di Assisi utilizzasse questi pressi come luogo di raccoglimento spirituale.
La memoria del poverello di Assisi è da sempre viva in questa zona, come testimoniato dal fatto che la fonte termale San Francesco proprio da lui prende il nome.

Leterme sono alimentate dalla sorgente San Francesco, che sgorga dal bacino idrotermale dei Monti Martani. Si tratta di un’acqua oligominerale, ricca di minerali benefici quali calciopotassio magnesio.
Particolarmente leggera grazie al basso residuo fisso, è classificata come medio-minerale e bicarbonato-alcalino-terrosa e, in quanto tale, è indicata per migliorare la diuresi e curare patologie gastroenteriche, urinarie, epatiche e biliari.
Viene inoltre utilizzata nel trattamento di malattie quali calcolosi, gotta, artrite e disturbi della motilità intestinale.

I visitatori delle terme sono attirati prevalentemente dalla cura idropinica, trattamento termale assolutamente prevalente in questa zona. L’acqua della fonte San Francesco è infatti famosa da secoli per la notevole efficacia che possiede allorché utilizzata come bibita termale, tanto che viene già diversi anni imbottigliata e commercializzata per la prosecuzione della cura termale anche a casa.
Una delle caratteristiche più importanti di queste acque infatti è di non subire decadimenti nell’efficacia terapeutica anche se imbottigliata. Acquasparta, dunque, insieme a centri di eccellenza in Italia come Montecatini, Chianciano, Fiuggi e Sangemini, rappresenta una delle migliori località in cui “passare le acque”.

Oltre alle terme di Amerino

Acquasparta si trova al centro di un circuito di importanti città d’arte umbre fra le quali anche il capoluogo Terni. Le altre principali città turistiche nei dintorni sono SpoletoNarniTodi Amelia. Quest’ultima è famosa per le mura megalitiche di epoca etrusca e le altre aree archeologiche di epoca pre-romana; Narni è famosa sia per i monumenti risalenti all’epoca romana coma il Ponte di Augusto e la Fonte Feronia, oltre che per uno dei più importanti luoghi della spiritualità francescana, ossia lo Speco di san Francesco; Spoleto presenta come Amelia due cinte murarie, una ciclopica pre-romana ed una successiva, oltre alla imponente Rocca Albornoz; infine Todi con la triade di palazzi (palazzo del Popolo, Palazzo del Capitano e Palazzo dei Priori) nella spettacolare Piazza del Popolo.
All’interno della stessa cittadina termale si trova il Palazzo Cesi, dal nome della famiglia dei feudatati della zona, cui apparteneva anche il Principe che fondò qui la prestigiosissima Accademia dei Lincei, mentre a pochi chilometri di distanza, in direzione di Terni, si trova l’area archeologica di Carsulae nei cui pressi è anche visibile la curiosa chiesa, oggi abbandonata, di San Giovanni de’ Butris che ha per base un antico ponte romano.

Come raggiungere le terme

Acquasparta si raggiunge preferibilmente in auto, percorrendo la Strada Statale 3-bis Tiberina, che collega Perugia a Terni, grazie all’apposito svincolo omonimo. Come la Statale Tiberina, anche la linea ferroviaria Sansepolcro-Perugia-Terni taglia l’Umbria sulla direttrice nord-sud, seguendo la valle del Tevere, fermando fra le altre anche presso la stazione di Acquasparta.