Castelluccio, un borgo di pochi abitanti sulla cima più alta degli Appennini

Acquasparta
Acquasparta, il piccolo borghetto di Terni e il Palazzo Cesi
9 luglio 2018
Collescipoli
Collescipoli, un borgo pittoresco e caratteristico, amato da tutti i turisti
10 luglio 2018
1

Oltre alla bellissima città di Norcia, vale anche la pena visitare uno di quelli che può essere considerato un bellissimo borgo dall’interesse storico, culturale e artistico fuori da ogni immaginario. Si tratta di Castelluccio, una frazione del comune di Norcia, in provincia di Perugia. Si trova nella Regione Umbria ed è un centro abitato situato in una delle zone più elevate dell’Appennino. Nel 2011 si contavano pressapoco 120 abitanti; questo a causa di un terremoto che ha quasi interamente raso al suolo il borgo. Addirittura dopo il tragico episodio, la chiesa Santa Maria Assunta e il suo campanile sono stati completamente distrutti. Si trattava di siti di particolare interesse storico artistico che sono andati perduti insieme alle opere e reliquie contenute all’interno di queste meravigliose strutture.

I paesaggi e luoghi di interesse di Castelluccio

Castelluccio si contraddistingue per la presenza di monumenti e luoghi d’interesse davvero particolari. Da citare assolutamente è il Parco nazionale dei monti Sibillini, un’area protetta che ospita animali come il falco pellegrino, il lupo e l’aquila reale. In più si trova proprio a ridosso del Monte Vettore, uno dei più alti degli Appennini con una delle cime, nelle Marche, maggiormente panoramiche. Poco prima della Punta si trova anche il Lago di Pilato che vale la pena vedere in quanto si tratta di un lago di origine glaciale veramente suggestivo. Si può visitare anche la grotta della Sibilla, abitata, secondo quelle che erano le leggende, da una maga in grado di prevedere il futuro. Assolutamente da non perdere i piani di Castelluccio o meglio il pian grande e il pian perduto, dove si può godere di una vista eccezionale sulla fioritura (nel giusto periodo dell’anno).

Castelluccio, un borgo di pochi abitanti sulla cima più alta degli Appennini

La maestosa aquila reale.