Amelia, un paese sui Monti Amerini discendente dall’epoca romana

Narni, la coalizione con Perugia e il suo grifone: il colorato trofeo della città
Narni, la coalizione con Perugia e il suo grifone: il colorato trofeo della città
27 luglio 2018
Orvieto: una città costruita su una rupe di tufo che dominana l'intera vallata 1
Orvieto: una città costruita su una rupe di tufo che domina l’intera vallata
27 luglio 2018
1

Amelia è un comune della provincia di Terni che si contraddistingue per la sua storia e la sua discendenza dall’epoca romana. Questo comune ha circa 11000 abitanti ed è caratterizzato da un territorio che si trova a sud-ovest della Regione Umbria vicino al confine con il Lazio. Si trova proprio a ridosso dei Monti Amerini, ed è un paese collinare. Questa città riunisce i 9 comuni del comprensorio dell’Amerino, ovvero Amelia, Montecastrilli, Avigliano, Umbro Penna in Teverina Lugnano in Teverina, Guardea, Alviano, Giove e Attigliano.
È molto legato alla sua storia romana ed era noto col nome di Amelia anche in quel periodo. Secondo la mitologia è stata fondata da re Amero, ed è molto antica, tanto da essere considerato uno dei primi centri italici.

I principali luoghi di interesse e i monumenti di Amelia

I principali centri e monumenti di Amelia sono le mura poligonali che, insieme a quelle medievali e a quelle romane, sono sicuramente uno dei monumenti più importanti. Inoltre è anche possibile trovare le porte, quelle che una volta erano la via d’accesso alla città da vari angoli: Porta Leone IV, Porta Posterola, Porta della Valle, Porta Romana. Ci sono anche altre due porte che purtroppo però non è più possibile vedere. Inoltre, la città ospita un museo civico con numerosi resti preromani, romani e dell’Alto Medioevo. Tra le architetture religiose vale la pena visitare il duomo, ovvero la Cattedrale con la sua torre dodecagonale, la concattedrale di Santa Fermina, nonché Duomo della città, la Chiesa Romano gotica di Sant’Agostino con la presenza di aspetti neoclassici. Tra questi monumenti, spicca senza ombra di dubbio “Il martirio di San Pancrazio” risalente al XVIII secolo. Famosa anche la chiesa di San Francesco, conosciuta anche come la chiesa dei Santi Giacomo e Filippo, la chiesa di San Magno con il monastero benedettino e la chiesa di San Clemente. Tra le più importanti ricordiamo il teatro cittadino.

amelia

Interno della concattedrale di Santa Fermina, nonché Duomo della città.