Monastero di Sant’Agnese – Città della Pieve: itinerario dell’Umbria centrale

Alla scoperta del Lago Trasimeno: itinerario dell'Umbria del Nord 3
Alla scoperta del Lago Trasimeno: itinerario dell’Umbria del Nord
3 luglio 2018
itinerario dell'Umbria del Sud
Orvieto – Montecastello di Vibio: itinerario dell’Umbria del Sud
3 luglio 2018
itinerario dell'Umbria centrale

Un itinerario dell’Umbria centrale per scoprire le meravigliose opere del Perugino (1446-1523), si può girare in diversi luoghi in Umbria, ma principalmente a Perugia.

L’itinerario dell’Umbria centrale comincia con la prima tappa verso il Monastero di Sant’Agnese dove ha lasciato l’ultimo affresco prima della sua morte, poi la Cattedrale di San Lorenzo, per ammirare la Madonna delle Grazie.

itinerario dell'Umbria centrale

1° tappa: dal Monastero di Sant’Agnese alla Cattedrale di San Lorenzo.

L’itinerario dell’Umbria centrale continua fuori città, dpve si possono visitare le località di Deruta e la sua bella Pinacoteca Comunale, e Città della Pieve, un incantevole borgo arroccato sulla collina che conserva molte opere di Perugino.

itinerario dell'Umbria centrale

2° tappa: dalla Cattedrale di San Lorenzo a Deruta.

itinerario dell'Umbria centrale

3° tappa: da Deruta a Città della Pieve.

Perugia: 10 cose da vedere

Antico insediamento etrusco, Perugia divenne ben presto un fiorente Municipio romano conosciuto con il nome di “Augusta Perusia”. Oggi il capoluogo umbro è moderno e cosmopolita, famoso in tutto il mondo per le sue manifestazioni culturali come l’Eurochocolate e l’Umbria Jazz, ma anche per la sua ricchezza artistica, fatta di monumenti che testimoniano secoli di storia, arte e cultura. Vediamo insieme le 10 più belle cose da vedere a Perugia.

  1. La Piazza IV Novembre. A Perugia tutte le strade portano a Piazza IV Novembre: centro politico delle antiche civiltà etrusche e romane, oggi punto nevralgico dove si svolgono le più grandi manifestazioni della città. Dalla piazza si può ammirare uno splendido panorama sulla Vallata del Tevere e su tutto il territorio della campagna circostante.
  2. La Chiesa di San Michele Arcangelo. La più antica chiesa della città, conosciuta anche come “tempietto”, la Chiesa di San Michele risale al V secolo e presenta un’architettura paleocristiana a pianta circolare. Costruita nell’omonimo Borgo Sant’Angelo, a ridosso del Cassero, il tempio ha una particolare struttura, con copertura a tenda su tamburo poggiante su 16 colonne.
  3. La Fontana Maggiore. Realizzata nel XIII secolo da Nicola e Giovanni Pisano, la Fontana Maggiore è una delle più importanti fontane medievali esistenti in Italia. Sorta tra il Palazzo Comunale e il Duomo, la Fontana fu costruita per celebrare il completamento del nuovo acquedotto.
  4. La Cattedrale di San Lorenzo. Ispirata a un progetto del 1300 di Fra Bevignate, la Cattedrale, o Duomo, di Perugia venne realizzata nel 1490, mentre il campanile venne edificato tra il 1606 ed il 1612. Da ammirare è il Reliquiario del Santo Anello, considerato tra i capolavori dell’arte orafa del Rinascimento.
  5. Il Palazzo dei Priori. Eretto nel XIII secolo il Palazzo dei Priori è un elegante edificio gotico che ospita la Galleria Nazionale dell’Umbria, dove sono custoditi i capolavori dell’arte italiana del Medioevo. Pregevole la Sala dei Notari: le pareti sono rivestite da meravigliosi affreschi del XIII secolo che narrano storie bibliche.
  6. La Galleria Nazionale dell’Umbria. Quaranta sale collocate all’interno del Palazzo dei Priori che ospitano una delle più ricche raccolte d’arte in Italia, dal XIII al XIX secolo: la Galleria Nazionale di Perugia è la principale pinacoteca della città e può vantare opere di Piero della Francesca, Beato Angelico e il Pinturicchio.
  7. L’Arco Etrusco. Una delle sette porte monumentali disseminate tra le possenti mura etrusche, l’Arco Etrusco fu realizzato nel III secolo a.C. e fu fatto ristrutturare da Augusto nel 40 a.C. dopo la sua vittoria nella Guerra di Perugia. E’ fiancheggiato da due torrioni a pianta trapezoidale.
  8. Il Giardino del Frontone. Il Giardino prende il nome dal “fronte” dell’arco di trionfo che chiude l’anfiteatro in travertino e rappresenta il primo giardino pubblico della città. E’ famoso per aver ospitato i poeti della “Colonia Arcadica Augusta” che, agli inizi del ‘700, ne tracciarono la configurazione attuale. Meritano un’attenzione particolare le sei statue raffiguranti le Arti.
  9. La Rocca Paolina. Edificata nel 1540-1543 per volere del papa Paolo III su progetto di Antonio da Sangallo il giovane, la Rocca Paolina era la più grande e famosa fortezza dell’epoca e ha rappresentato per secoli il simbolo del potere papale.
  10. Il Lago Trasimeno. Il più grande dei parchi regionali umbri si sviluppa lungo il perimetro del Lago Trasimeno, detto anche il “Lago di Perugia”, comprendendo tre isole, l’Isola Polvese, la più estesa, in cui è possibile ammirare la Rocca e le rovine della Chiesa di San Secondo, l’Isola Maggiore, un grazioso borgo di pescatori risalente al XV secolo, e l’ Isola Minore, di proprietà privata e purtroppo non visitabile.
    itinerario dell'Umbria centrale

    Eurochocolate.