Museo dinamico del laterizio e delle terrecotte situato in una città costruita in mattoni

Rocca Albornoziana, una fortezza che sovrasta la città di Spoleto
Rocca Albornoziana, una fortezza che sovrasta la città di Spoleto
31 luglio 2018
Museo della Pesca del Lago Trasimeno e l'ambiente biologico animale e vegetale
Museo della Pesca del Lago Trasimeno e l’ambiente biologico animale e vegetale
31 luglio 2018
Museo dinamico del laterizio e delle terrecotte situato in una città costruita in mattoni

Il museo dinamico del laterizio e delle terrecotte ha sede nel trecentesco palazzo Pietromarchi di Marsciano, principale centro dell’Umbria di produzione di laterizi e città interamente costruita in mattoni.
L’edificio oggi trasformato in museo fu costruito nel Trecento dalla famiglia dei conti Bulgarelli di Marsciano.
Il museo dinamico del laterizio e delle terrecotte “Enzo Briziarelli” si configura come punto di partenza per un percorso di visita esteso all’intera area comunale comprendendo i siti produttivi di Compignano e di San Fortunato, antiche fornaci che documentano la produzione preindustriale dei laterizi, e le antenne museali di Compignano e Spina, poli espositivi che fungono da centri di documentazione sulle tradizioni del territorio.
Dal 2004 gli ambienti del restaurato palazzo Pietromarchi espongono numerosi laterizi, cioè i mattoni, le tegole e i materiali per l’edilizia in genere, nonché le terrecotte decorative e di uso comune che hanno contraddistinto la produzione documentata nell’area comunale dall’età romana ad oggi. L’esposizione illustra anche le trasformazioni sociali e demografiche legate a questa attività con particolare riguardo alle fasi della lavorazione che hanno caratterizzato la produzione preindustriale e quella industriale del luogo. Alcuni ambienti ospitano mostre permanenti, come quelle dedicate all’artista marscianese Antonio Ranocchia (1915-1989) e ai fischietti in terracotta.