Paciano e i numerosi affreschi del Perugino e Francesco Nicolò

Umbertide, un centro economico e storico attraversato dal Torrente Reggia
Umbertide, un centro economico e storico attraversato dal Torrente Reggia
27 luglio 2018
Otricoli e la sua "ricostruzione": dall'epoca romana al tardo Medioevo
Otricoli e la sua “ricostruzione”: dall’epoca romana al tardo Medioevo
4 settembre 2018
Paciano e i numerosi affreschi del Perugino e Francesco Nicolò

Paciano sorge in Umbria, in provincia di Perugia. Questo bellissimo comune che ha poco meno di 1000 abitanti è inserito nell’elenco dei i borghi più belli d’Italia. È un borgo medievale che si trova sul monte Petrarvella, alto circa 400 metri sul livello del mare. In antichità a Paciano sorgeva un tempio consacrato al Dio Giano. È possibile accedere a questo bellissimo Borgo italiano del Centro Italia dalla porta Perugina, la Porta Fiorentina e la porta Rastrella (a seconda di quella che è la direzione presa e da cui si arriva alla città storica). È una città di origine medievale ed in particolare del XIV secolo quando Carlo IV la diede in Feudo a Guglielmo di Beaufort.
Sono presenti anche delle mura di difesa cittadina che ancora oggi è possibile scoprire, visitare ed apprezzare.

I principali monumenti e luoghi d’interesse di Paciano

Tra i principali monumenti e luoghi d’interesse di Paciano vi sono innanzitutto quelli che si trovano all’interno delle mura come la porta Raffaella e quella Fiorentina ma anche la torre d’Orlando e il Palazzo Comunale che risale al XIII secolo. Vi è inoltre la chiesa di San Giuseppe, dove troviamo la Madonna della Misericordia di Fiorenzo di Lorenzo. Inoltre, è possibile visitare la Confraternita del Santo Sacramento dove si trovano numerosi affreschi del pittore ritenuto maestro del Perugino, In più troviamo numerosi oggetti d’arte di età etrusca ove è possibile vedere in particolare, “La crocifissione” di Francesco Nicolò di Città della Pieve, numerosi affreschi e anche i cofanetti con reliquie in argento ed in oro del XVI secolo. Ci sono anche quattro statue della Vergine, le tele del pittore Castelletti risalente al 1790. Fuori le mura invece, troviamo la chiesa di San Salvatore a Cereseto e la chiesa della Madonna della stella.